Reasons that caused the beginning and end of the last ice age


LAST GLACIATION
Do we know the reasons that caused the beginning and the end?

Evander, one of our readers asked the question of what are the causes that caused the beginning and the end of the last ice age. Now, in the history of the Land of glaciations there have been several in all the geological Ages (see the column Geology and environment of Helichrysum), except during the Secondary or Mesozoic Era.

As for the reasons that caused the beginning and end of the last glaciation, it is easy to say: it is sufficient that there is a decrease of 1 or 2 degrees in the average temperature of the globe to have consistent extensions of glaciers at very low altitudes, compared to to current limits.

These phases alternated with increases in the global average temperature, always of 1 or 2 degrees, to have a regression of the glacier fronts.

We remind readers that the advancement or regression of glacier fronts are not exclusively linked to variations in temperature, but also depend on the intensity of the snowfall, which plays the role of feeding the glaciers.

Furthermore, there is often a confusion between meteorological temperature and global average temperature: the first records the daily variations that determine, together with other parameters, the weather of every day, often influenced by local factors, while the second concerns the variations in the global temperature over several decades and which contribute to defining the large-scale climatic variations.

A characteristic of glaciations is the contemporaneity of their appearance or disappearance all over the globe.

So the question should be better clarified: what are the reasons that generate the variations in the average temperatures of the globe?

Unfortunately, there is no precise answer. Many hypotheses have been formulated which individually can satisfy some events, but not to constitute a general law. The impossibility of arriving at an articulated formulation of all meteorological phenomena essentially depends on the availability of instrumental data on a large scale, limited to just over a century, which represents a blink of an eye over the life of the globe of 500 million. years.

So we can only list the main hypotheses that are based on phenomena linked to terrestrial events and others instead of cosmic origin, which take into account events whose origin must be sought in the planetary system.

Possible terrestrial reasons

- Migration of the poles: geological studies have shown that the geographic poles emigrated starting from the Carboniferous. At the base of the phenomenon there are geophysical causes linked to the internal composition of the planet Earth.

Various routes have been reconstructed for the North Pole, starting from 30 ° latitude and ending in the current position. These displacements would have occurred continuously and therefore would not fully explain why periods of glaciation alternated with interglacial phases.

- Continent drift: as is known, it began with the end of the Paleozoic and is still in progress with very low intensity. It may have initially only affected the Antarctic ice sheet, as there was no land surface in the northern hemisphere. The great orogenetic corrugations of the Paleozoic can be connected to it, but having developed continuously, it is not easy to explain why the glaciations did not have continuity over time. The Paleozoic glaciations would find an explanation in this hypothesis, while the previous glaciations and the Quaternary one, when the Alpine orogeny was practically defined, would not be included in the phenomenon.

- Orogenetic causes: it seems that there are relationships between the glaciations and the orogenetic phenomena that preceded it, but intense wrinkles are not always linked to important glaciations. However, it is certain that the most important glaciations were preceded by intense orogenetic phases. This hypothesis would explain why in the Mesozoic there were no glaciations for 240 million years since there were no orogenetic episodes.

- Atmospheric pollution: hypothesis basically linked to the presence of very fine ash in the atmosphere due to major volcanic eruptions, which would drastically reduce solar radiation. However, it should be noted that there is no contextuality between the two phenomena and furthermore, although the eruptions may have been intense, they do not seem to have affected the entire atmosphere, so it remains difficult to explain the fact that the great glaciations occurred simultaneously in all over the planet.

- Terrestrial thermal variations: they would be linked to thermal currents coming from the inside of the earth's crust, at the origin of orogenetic movements. Once the orogenetic cycle is completed and therefore a cooling of the earth's surface takes place, the favorable conditions for a large-scale glacialism would be created.

Let's leave out the other hypotheses, which have more than any other local value, with which to explain glacial episodes of limited magnitude.

They are based exclusively on variations in solar radiation, in particular studied by Milankovich, which have had the merit at least of highlighting the minimums and maximums of solar radiation, which find sufficient correspondences on the ground. However, the minimums of the Milankovich scale do not always correspond to glaciations. Furthermore, the theory does not explain the causes of changes in solar radiation.

Someone has advanced the hypothesis (Nolke) that nebulae of such density have interposed between the Sun and the Earth as to reduce the intensity of radiation, with consequent lowering of temperatures. These hypotheses would explain the contemporaneity of glaciations throughout the globe and their non-periodicity in manifesting themselves. Unfortunately, there is no way to prove that the phenomenon has actually happened several times in the life of the Earth.

As we can see, the hypotheses are many and of different nature, but none satisfies the question about the reasons that governed the existence of the various glaciations.

Probably, as in so many fields of terrestrial physics including meteorology, the causes could be different and interdependent. Knowing the reason for so many phenomena would also allow us to formulate medium and long-term forecasts, starting with meteorology, which does not allow us, despite the continuous monitoring of many decades, to make forecasts beyond three days.

Dr. Pio Petrocchi


  • 1 List of glaciations, with number, average, minimum, maximum temperature and causes
  • 2 Find out for yourself if you are in an ice age! P.S. touch yourself well, you never know.
  • 3 Types of glaciation
    • 3.1 Staff
    • 3.2 Type 1 glaciation
    • 3.3 Type 2 glaciation
    • 3.4 Type 3 glaciation
    • 3.5 Type 4 glaciation
    • 3.6 Type 5 glaciation
    • 3.7 Type 6 glaciation
  • 4 E. what if the type of glaciation was mixed?
  • 5 Limit of crying

I glaciation: DIIC 94 - 98 (on the occasion of the eighth grade exams, Spadian period) 15 ° / 4 ° / 56 ° (at the end of the ice age)

II glaciation: DIIC 228 (sudden fall of the Corrupted World, late Telicocorruzian period) 5 ° / -13 ° / 18 °

III glaciation: DIIC 263 (crisis for the beginning of high school, late Prelicean period) 3 ° / -6 ° / 21 °

IV glaciation: DIIC 481 (Hell Day crisis, Staterian period) 1.5 ° / -8 ° / 14 °

V glaciation: DIIC 532 (crisis of artistic gymnastics, Staterian period) 21 ° / 7 ° / 33 °

VI glaciation: DIIC 575 - 589 (sudden death, Proterocryominecraftian period) -9 ° / -30 ° / 32 °

VII glaciation: DIIC 595 (spoiler too many for the 2018 winter camp, Pseudocatartian period) -2 ° / -11 ° / 15 °

VIII glaciation: DIIC 741 - 742 (coup caused by a yearbook, Cryominecraftian or Aquarian period) -12 ° / -21 ° / 20 °

IX glaciation: DIIC 901 (the emperor is called by surname, Second Criominecraftian or Cognomininian period) + 18 ° / + 13 ° / + 31 °

X glaciation: DIIC 1431 - 1453 (Colombara assigns to the emperor the book "Marcovaldo", Third Criominecraftian or Pseudobarian period) + 23 ° / + 16 ° / + 33 °

XI glaciation: DIIC 1461 - 1490 (on the occasion of the 2019 Easter camp, Fourth Criominecraftian or Desolian period) + 4 ° / -15.5 ° / 14 °

XII glaciation: DIIC 1491 - 1523 (period after Easter camp 2019, Fourth Criominecraftian period) + 12 ° / + 2 ° / + 25 °

XIII glaciation: DIIC 1581 - 1607 (non-participation in coexistence, Omanian and Convivenziano periods) + 5 ° / -2 ° / + 24 °

XIV glaciation: DIIC 1736 - 1788 (Colombara's claim to read the book Marcovaldo, Fifth Criominecraftian or Colombarian period) + 3.5 ° / + 2 ° / + 28 °

XV glaciation: DIIC 1793 - 1799 (timely organization of the Street Food and the inspection for the summer camp, the oceans turn red in the Sixth Criominecraftian or Sopralluoghiano period) + 2.5 ° / -6 ° / + 18 °

XVI glaciation: DIIC 1989 - 2004 (end of lunar eclipse and beginning of summer camp anxiety, Seventh Cryominecraftian or Caramellian period) -2 ° / -13 ° / + 14 °

XVII glaciation: DIIC 2026 - 2032 (plan to hide the candies in the field impossible to carry out and failed, Seventh Cryominecraftian or Caramellian period) + 0.5 ° / 0 ° / + 7 °

XVIII glaciation: DIIC 2035 - 2056 (intolerable summer camp, Eighth Criominecraftiano or Campiano period) + 19 ° / -35 ° / + 26 °

XIX glaciation: DIIC 2082 - 2102 (various scoldings in the family, Catartian period) -8 ° / -23 ° / + 5 °

XX glaciation: DIIC 2132 - 2143 (probable cooked, Catartian period) (short temperatures)

XXI glaciation: DIIC 2292 - 2313 (other scoldings, Ninth Cryominecraftian or Oppositionian period) -5 ° / -8 ° / + 27 °

XXII glaciation: DIIC 2348 - 2357 (exit of the 2019 passages impossible and anticatarctic, Ninth Cryominecraftian or Oppositionian period) -1.5 ° / -14 ° / + 11 °

XXIII glaciation: DIIC 2424 - 2433 (low concentration of ideas and bad figure for activity, Interrogian period) 12 ° / -3 ° / 19 °

XXIV glaciation: DIIC 2660 - 2670 (immediate explosion of interrogations and high probability of obtaining low grades, Tenth and Eleventh Cryominecraftian periods) 5 ° / -11 ° / 9 °

XXV glaciation: DIIC 2771 - 2778 (impossibility to go to the gym, Twelfth Cryominecraftian or Anti-Palestrian period) -2 ° / -19 ° / + 28 °

XXVI glaciation: DIIC 2835 - 2845 (anxiety for the winter camp combined with continuous vomiting and gastritis, the coldest and most impervious glaciation, Thirteenth Cryominecraftian or Great Glaciation period) 3 ° / -40 ° / 23 °

XXVII glaciation: DIIC 2845 - 2851 (winter camp, Thirteenth Cryominecraftian period or Great Glaciation) 14 ° / 8 ° / 27 °

XXVIII glaciation: DIIC 2892 - 3008 (still other scoldings, Fourteenth Cryominecraftian or Descendentian period) 13 ° / -3 ° / 24 °

XXIX glaciation: DIIC 3016 (lack of tickets during February 14, Geocentric period) 12 ° / 5 ° / 39 ° (at the end of the ice age)

XXX glaciation: DIIC 3295 - 3296 (poor results at the Olympics in Mathematics, Islamic period) 11 ° / 6 ° / 37 ° (at the end of the ice age)

XXXI glaciation: DIIC 3411 - 3507 (checks collected in a single week, 15th Criominecraftian or Ansian period) 16 ° / 4 ° / 32 °

XXXII glaciation: DIIC 3507 - 3515 (lowest grade ever taken in English, 15th Criominecraftian or Ansian period) 12 ° / 5 ° / 41 ° (at the end of the glaciation, otherwise 28 °)

XXXIII glaciation: DIIC 3583 - 3587 (boredom and loneliness after the end of the school, Proterovisvivian period) 17 ° / 2 ° / 44 ° (at the end of the ice age, otherwise 23 °)

XXXIV glaciation: DIIC 3595 - 3602 (mental chaos and psychological consequences of the battle of New Sluis, Sixteenth Cryominecraftian or Isolian period) 13 ° / -7 ° / 17 °

XXXV glaciation: DIIC 3606 - 3614 (after the Covid-19 pandemic it was decided to make the field but above all the psychological consequences of the battle of New Poitiers, Seventeenth Cryominecraftian or Vismortuian period). 7 ° / -38 ° / + 16 °

XXXVI glaciation: DIIC 3616 - DIIC 3624 (total mental chaos and intense fear of the future, Chaotian period) 25 ° / 3 ° / 39 ° (glaciation present only at the poles).

XXXVII glaciation: DIIC 3628 - DIIC 3646 (summer camp was approaching, Eighteenth Cryominecraftian period). 19 ° / 1 ° / 30 °.

XXXVIII glaciation: DIIC 3658 (first serious anxiety attack from summer camp, Proteropseudocampian period, Oligocryominecraftian period) 7 ° / -7 ° / 15 °.

XXXIX glaciation: DIIC 3675 - DIIC 3677 (during the last two days of the camp, some members of the department begin to rage on the Emperor, Telicopseudocampiano period, Series 8 or Fanerodecadenziano or Addiacciano period). 18 ° / 0 ° / 54 ° (at the end of the glaciation, otherwise 26 °)

XL glaciation: DIIC 3720 - DIIC 3732 (continuous pessimism, periods System 1 Superior Proterochriocardian, Postproterocriocardiano, System 2 Proterochiocardian) 9 ° / -31 ° / 45 ° (during an interglacial period, otherwise 25 °)

XLI glaciation: 1 January DIIC 3791 (various quarrels, Neobipolarian period) 8 ° / 3 ° / 21 °.

XLII glaciation: DIIC 3799 (see above, Mesocriocardian period, Chronoconfusionian period) -5 ° / -25 ° / + 12 °.

XLIII glaciation: 1 January DIIC 3881 (still quarrels, Preproterotelicocapiano period) 5 ° / 1 ° / 15 °.

XLIV glaciation: 1 January DIIC 3889 - (problems in the management of the Empire, Saturnian period) 19 ° / 6 ° / 28 °.

XLV glaciation: 15 September DIIC 4025 - 6 January DIIC 4034 (outbreak of a new world war and 6 of history, Metacoronaviridian period) 20 ° / -3 ° / 35 °

XLVI glaciation: 1st June DIIC 4038 - 1st January DIIC 4061 (increase in the number of covid cases, Cleisecoronaviridian period) 15 ° / 10 ° / 40 °

XLVII glaciation: 8 January DIIC 4161 - 31 December 4194 (problems with the professor of Mathematics and Physics, various disputes, second increase in the number of covid cases, 6.5 of philosophy, destruction of Itheirboireas Niuovias). 29°/-7°/35°

XLVIII glaciation: DIIC 4224 - DIIC 4300 (continuous anger, generated above all by the song Anger Never Dies of the Hooverphonic, increasingly strong obsession with Mendel, increase in engagements despite the covid, fear of losing control over everything, also it is believed that there are plots on everything, Renaissance and Crioterrarian periods) 17 ° / -5 ° / 30 °.

XLIX glaciation: DIIC 4510 - DIIC 4553 (sadness without any reason, which indeed seems paradoxical, such as having taken 10 in science in a question or the situation not at all drastic as in the case of the XXVI glaciation, this glaciation is also considered the recurrence of XXXV) 13 ° / -21 ° / 40 ° (collapse of the crying limit to -15 °).

Glaciation: DIIC 4625 - January 2 DIIC 4647 (infection and fear that the lunar phases of Terraria did not coincide with those expected by the IIC system, Infectionian period) 25 ° / 11 ° / 36 °

LI glaciation: 1 January DIIC 4740 - 31 December DIIC 4753 (the professor of Italian and Latin decides to question after 2 days by lot without notice) 20 ° / 17 ° / 44 °

LII glaciation: January 1 DIIC 4762 - in progress (sadness for no apparent reason, caused - according to Gabbo XXXIX Socrates II - by the sudden drop in cortisol levels after the Italian interrogation) ?? / ?? / ??


Index

Early medieval-minecraftian phase - second part

In this way it is called the first phase of the war before the first peace treaty reached in DIIC 3646 (therefore from DIIC 3587 to DIIC 3646). After the defeat in the battle of Nuova Sluis, Gabbo XXIV does not give up and creates a new, more powerful army: 2,500,000 men, of which 1,500,000 equipped with rifles and 1,000,000 gunners, spending 40% of the imperial coffers. Mary Jane Ficarotta's rose from 500,000 men to 1,700,000.

First battle of New Crècy

The battle is fought at the Mansion near Itheirboireas Niuovias on 1 May DIIC 3602. There were a total of 900,000 dead out of 2,500,000 soldiers of Gabbo XXIV, while Mary Jane Ficarotta's lost only 150,000 men out of 1,700,000. In this battle, unlike that of Nuova Sluis, it lasted only a few minutes and was a real carnage. Mary Jane Ficarotta's army also took 1,000,000 prisoners. This battle was a real confrontation, as both armies advanced against each other. Arriving at a distance of only 10 meters, the terrible confrontation began. Mary Jane Ficarotta's army was equipped with bulletproof vests, which made the rifles practically unusable (in fact there were only 150,000 dead in the enemy army):

Battle of New Castillon

This is one of two battles that was won by Gabbo XXIV's army, who enacted a law requiring soldiers to fight using body armor. The army was made up of 3,000,000 men, 1,400,000 new soldiers enlisted, 600,000 soldiers who survived the battle of New Crècy and the million soldiers taken prisoner, who were freed thanks to a large ransom on 26 August DIIC 3602. fought in the city of Nova Castillon, in the enemy Supersystem, between 10 and 12 September DIIC 3602.

On 1 September DIIC 3602 the army was conducted on 500,000 different spaceships with a maximum capacity of 6 soldiers, made of titanium specifically for the battle. Mary Jane Ficarotta's army numbered only 650,000 soldiers, who were completely defeated, thanks to the numerous grenades thrown at the enemy ship, which was only one. The battle lasted a few minutes, 4 to be exact: at 20:19 on June 22, the attack of the army of Gabbo XXIV began, which began to throw grenades. The spaceships were arranged in 500 rows of 1000 ships each. At 8:21 pm Gabbo XXIV's army noticed that there was a weak point in the enemy spacecraft: the engine. Then the army began throwing grenades in that direction, completely destroying that enemy ship. There were only 10,000 deaths in the army of Gabbo XXIV and 650,000 deaths in the army of Mary Jane Ficarotta, 100% of the enemy army died due to lack of oxygen and problems related to atmospheric pressure.

Battle of New Poitiers

This was one of the bloodiest battles in Minecraft history.

The battle was fought between April 15 and June 14 of the year of Minecraft 3606, precisely between 15.30 and 17.30 on June 24, 2020, in the middle plain where the road to the abandoned village was built between DIIC 3392 and the DIIC 3400. Gabbo XXIV's army was made up of 4,000,000 men equipped with latest generation rifles but also medieval weapons (which had the least valiant soldiers, about 150,000) while the opposing one possessed only 250,000 men (with weapons dating back to initially at the time of the Sumerians, given the terrible defeat in the battle of Nuova Castillon). Between 15:30 and 16:29 the army of Gabbo XXIV had the upper hand, managed to take 100,000 prisoners and kill 50,000 troops of the enemy army (in total only 50,000 managed to escape) without any deaths in his army however at 16:30 a small army of only 50,000 other men managed to defeat (with the help of 1,300,000 explosive bombs, bows with flaming arrows that could shoot an arrow every two seconds, and 350,000 cannons, from another allied Supersystem ( that of Hammlioto)) an army as powerful as that of Gabbo XXIV, killing 1.2 million men and capturing 2.5 million prisoners, only 8.3% of the army managed to escape (250,000 men). This battle began the darkest period in the history of the Minecraft Supersystem of the last 3606 years, and, conversely, the most brilliant period in the history of the Mary Jane Ficarotta Supersystem. After that battle, the temperature at the equator dropped to -22 ° C on average, freezing the whole world, another 2,000,000 people died of hypothermia and another 750,000 of suicide. The consequences of the battle were terrible, and even affected civilians.

Commendation of Itheirboireas Niuovias o Siege of New Orleans

The siege dates back to 15 July DIIC 3614. Gabbo XXIV managed to recover 250,000 spaceships of the 500,000 used in the battle of Nuova Castillon to cross the interspace between the two Supersystems. Gabbo XXIV's army, consisting of 1,500,000 men, managed to besiege the city of New Orleans in the enemy Supersystem, and raid it, but the Minecraft Supersystem did not want to conquer the city because it would have been too difficult to manage a distant colony in a Different super system in the middle of the war However, the siege was won by Gabbo XXIV.

Second Battle of New Crècy

This battle was fought shortly before the peace treaty, on 1 January DIIC 3646.

Gabbo XXIV's army lost 350,000 soldiers out of 1,000,000 and 600,000 of these were taken prisoner in the enemy army there were only 80,000 dead and no prisoners out of 1,400,000 soldiers. Gabbo XXIV's army lost most of its morale, so much so that the army was made up of far fewer men than Mary Jane Ficarotta's. On 1 January DIIC 3646 the army of Gabbo XXIV decided to retreat to the mountains near the Mansion, on the south side (in the same place as the first battle of Crècy) to have at least the advantage of firing bullets from above. Despite this, the army of Gabbo XXIV still found itself at a disadvantage because it was easily visible from the valley. The enemy army reached the north side and the war was then fought at the same altitude, even if there were 100 blocks between the two sides. Gabbo XXIV's army was at a disadvantage as they didn't know where the enemy army was, but the enemy army knew where Gabbo XXIV's army was. The enemy army attacked first and killed 300,000 men, the other 50,000 were killed on the run, and another 600,000 were taken prisoner. Only 5% of Gabbo XXIV's army managed to escape without being killed or captured.

Peace treaty of DIIC 3646

The peace was signed on January 2 DIIC 3646, ie July 12, 2020, proposed by the Supersystem of Mary Jane Ficarotta and accepted by the Supersystem of Minecraft, this due to a summer camp, from July 19 to 26, 2020. This truce, however, will not last very much, in fact Gabbo XXIV will declare war again on the Supersystem of Mary Jane Ficarotta on January 1st DIIC 3678. From this year onwards, the late medieval phase of the war will begin

Resumption of hostilities - Late medieval-Minecraftian phase - first part

In DIIC 3678 hostilities resumed, and also the second part of the war unlike the first part of the war (the early medieval-Minecraftian phase), in the second part we are witnessing less and less sensational defeats, but at the same time the hope of winning the war began to drop drastically, especially after the battle of Nuova Azincourt in 3720. There were no more battles, as in the first part of the late medieval phase only the date of the battle of Nuova Azincourt was established.


The beginning of the Anthropocene

In lamogordo, New Mexico, United States, July 16, 1945. In the middle of the Jornada del Muerto desert, a plutonium bomb, codenamed The Gadget . It is the first nuclear test in history. Since that detonation, 2,421 nuclear devices have been detonated that have produced isotopes otherwise absent in nature. An unequivocal trace of the passage of man on Earth, destined to survive its creator for tens of thousands of years in the geological memory of the planet. Alamogordo, New Mexico, United States, July 16, 1945 is, according to many, the place and date in which the Anthropocene began. A new era for the planet, for the first time forged by the activity of one of its tenants.

Persistent isotopes will tell our great-grandchildren the story of skies full of carbon dioxide from the combustion of coal and oil, while steel, concrete and plastic could characterize our personal geological layer: the chronostratigraphic series of the Anthropocene.

After seven years of debate spent gathering evidence, last summer 35 researchers and experts gathered in the Anthropocene Working Group officially requested the recognition of the Anthropocene in the geological time scale. In the coming years the group will proceed with the collection of data and the elaboration of analyzes in support of the theory that will be examined by the International Commission of Stratigraphy only after the eventual final decision can be formalized by the International Union of Geological Sciences.

The process is anything but downhill. In fact, very evident clues today may not be at all in the vastness of geological time: the duration of an era normally extends over tens of millions of years.

An era that has come a long way
The idea that human activity should be considered to all intents and purposes a geological force has been curiously present since the institution of the Holocene epoch (the most recent geological epoch, the current one, whose beginning was conventionally fixed at about 11,000 years ago) proposed by Charles Lyell in 1833. The first to observe how man could endanger his own survival on the planet was probably George Perkins Marsh in 1864. In his essay Man and nature or the earth's surface modified by man , highlighted the need for nature conservation and the importance of "re-establishing disturbed harmonies".

In particular, referring to the deforestation taking place in the Mediterranean regions - for over twenty years Marsh was US ambassador to Italy - he denounced the transformation of lush lands into lunar deserts. However, it was the Italian Antonio Stoppani who recognized in man "a new telluric force with power and universality comparable to the great forces of the planet". It was 1873 when Stoppani defined this new phase as the "anthropozoic era". Of the same opinion was the Russian geochemist Vladimir Vernadskij who wrote in 1924: "the equilibrium in the migration of the elements, established over long geological times, is broken by the intellect and activity of men. Now, with this direction we find ourselves in a period of change in the conditions of thermodynamic equilibrium within the biosphere ".

The ability to carry out nuclear reactions, and therefore to transform chemical elements, pushed Vernadskij and his colleague Pierre Teilhard de Chardin to hypothesize the advent of a third phase of development of the Earth, named noosphere (literally "sphere of thought") following the geosphere and biosphere. It was only in the early 1980s that the American biologist Eugene Stoermer coined, without ever formalizing it, the term Anthropocene. It will be his friend and colleague Paul Crutzen, a Dutch chemist who won the Nobel Prize for his pioneering studies on ozone in the atmosphere, who made the concept famous in 2000 with the publication of the essay Welcome to the Anthropocene! .

Isotopes, plastic and chicken bones
To definitively summarize the evidence in favor of the Anthropocene is an article published in the journal Science in January 2016 by 24 members of the Anthropocene Working Group, including Paul Crutzen. A review in which researchers examined a wide range of anthropogenic markers and variations present in the sediments and ice of the most varied locations around the globe. The variation of some chemical-physical parameters such as the concentration of carbon dioxide - the highest in 65 million years now - and of methane in the atmosphere was much wider and faster than what occurred at the end of the last glaciation.

Particulate matter and ashes deriving from the combustion of fossil hydrocarbons, distinguishable from those produced naturally by fires, have reached the most remote corners of the planet. Not only the carbon cycle is disturbed but also those of phosphorus and nitrogen: compared to the nineteenth century, the excessive use of fertilizers has doubled the presence of phosphorus in the soil, while the quantity of nitrogen is the highest of the last. 2.5 billion years. These anomalies are accompanied by the presence of completely new materials such as 50 billion tons of concrete, 500 million tons of aluminum and at least 300 million tons of plastic.

Not only that: according to the researchers of the Deep Carbon Observatory, the industrial revolution represents the most important diversification event of minerals after the Great Oxidation, or the accumulation of atmospheric oxygen which occurred two billion years ago and which gave rise to about two thirds of the known species. There are over 5,200 mineral species on the planet, 208 of which originated from the more or less direct action of man and concentrated in the last three centuries.

The hand of man will remain imprinted, in all likelihood, even in fossil associations: according to some authors in just over a century our species has caused the number of animals on the planet to halve, in what is emerging as a new extinction of mass. Not all animals are equally victims of man: to meet the growing demand for food, domestic species have benefited from our proliferation, so much so that chicken fossils are considered serious candidates for the identification of the Anthropocene. The most evident, synchronous and ubiquitous traces left by man will however be the isotopes produced in the detonation of nuclear devices: the half-life of 239 Plutonium is 24,200 years. The position of the Anthropocene Working Group is clear: starting from the middle of the last century, there are such differences with respect to previous geological strata as to justify a new unit of geological time.

It is a question of dates
Geology moves very slowly, and so do geologists. Establish in the present what could to be observed in thousands of years is a task for seers, argue the most critics, underlining how it is too early to formalize an era whose beginning may not even have arrived yet.

Se praticamente nessuno nega l’impatto dell’uomo, in molti spingono per una definizione culturale, piuttosto che geologica, dell’Antropocene. Al pari del Neolitico, l’Antropocene potrebbe designare una fase dell’evoluzione umana ed essere dunque slegata da datazioni più rigide. Un compromesso prudente, che permetterebbe di ignorare la domanda fondamentale: quando è iniziato l’Antropocene?

Per definire una nuova epoca geologica bisogna individuare nelle rocce uno specifico marcatore, sia esso un’anomalia isotopica o un’associazione fossile, sincrono e diffuso in qualunque luogo del pianeta. Ecco perché gli isotopi liberati a partire dal 1945 nelle esplosioni nucleari rappresentano probabilmente il miglior termine di riferimento. Ma non l’unico: la principale alternativa è la rivoluzione industriale con l’impennata delle emissioni di gas serra, osservabile per esempio nelle carote di ghiaccio.

C’è invece chi propone di prendere come riferimento l’invenzione dell’agricoltura, che in 10.000 anni ha stravolto la fisionomia del suolo di buona parte del pianeta. Altri ancora propendono per il 1610, quando vaiolo e schiavismo fecero crollare la popolazione del Nuovo Mondo: l’espansione dei boschi fece crollare l’anidride carbonica in atmosfera di sette parti per milione.

Anche se finalmente abbiamo preso coscienza della portata storica del nostro impatto sulla Terra, il dibattito è tutt’altro che chiuso e proseguirà nei prossimi anni. Un ritardo insignificante per la scala dei tempi geologici, i cui gradini più consunti hanno miliardi di anni.


Motivi che hanno causato l'inizio e la fine dell'ultima glaciazione

Lo ha scelto Mirella: Mi è piaciuto per tantissimi motivi. Sopratutto per il finale a sorpresa. Il carnefice e la vittima si scambiano i ruoli e l'amicizia muta nell'odio. Le situazioni si rovesciano.
Quando Martin chiede pietà usa frasi e emozioni espresse dalle vittime, ma senza il pentimento per quello che aveva causato. Il fastidio provato per questo è stato grande. Il libro nonostante la portata dell'argomento è leggero e, senza fiumi di inchiostro, affronta temi grandi e quotidiani non discussi ma esplicati.
Il messaggio, chiarissimo, scritto nel '38 risulta quasi chiaroveggente.

Concetta: Confermo il pensiero di Mirella. Mi è piaciuta la forma epistolare. Il tema è attuale. Il potere, la sopraffazione, i conflitti. I cambiamenti delle 2 figure sono dipinti con bravura. Martin disprezza l'amico liberale e sentimentale. E paragona gli ebrei a un cancro. Il bene vince il male beffeggiandolo.

Loredana: Mi è piaciuto. Quando nel libro appare il primo “indirizzo sconosciuto”, quando la ragazza non viene più raggiunta dalle missive, mi sono stupita, poi la fine mi è piaciuta, un salto che salva il libro dalla banalità.
Il libro mi è risultato cattivo, ma liberatorio.

Michele: Breve, senza grandi potenzialità. Argomento attuale. Sono contrario alle vendette. Nel finale emerge una cattiveria che non condivido. Accolgo tutti anche chi mi fa del male e nonostante questo perdono.
Michele poi affronta vari temi, non direttamente legati al libro che riesce a stimolare confronti tra altre situazioni di potere e sopraffazione. Equilibri difficili tra ideali, idealismi e il vivere quotidiano che può risultare schiacciato

Maddalena: Mi è piaciuto tantissimo. In generale non pensavo si potessero sintetizzare tante cose in poche pagine.
Il libro va oltre a tanto. Nell'ultima lettera : Temo per la mia vita, Per la MIA vita. E' incredibile come l'egoità venga esplicata in questa frase. L'incapacità di ascolto dell'altro è smisurata. La scrittura femminile dell'autrice tocca il ruolo della donna e i pesi che porta. Per il periodo storico in cui è scritto è notevole.

Oscar: Ho letto nel testo l'argomento “i tradimenti di amicizie”, il libro mi dava fastidio, forse proprio per l'argomento. la vendetta lo ha riscattato. L'ho trovato giustissimo.
Albert Einstain in una compilazione di una scheda, alla domanda razza dichiara di appartenere alla razza umana. Unificare, generalizzando, esseri umani con rappresentazioni limitanti e pregiudizievoli, (negri, ebrei. ) in un unicità indifferenziata risulta drammatico. Ci si può unire per quel che ci accomuna.

Annamaria: Il Punto focale che mi ha colpita è la lungimiranza con la quale si determina la modalità della vendetta e lo strumento: Il regime stesso. I contenuti sono già stati esplicati, l'argomento è corposo.
L'effetto letterario mi ha stupito, riesce a rendere visibile la busta della lettera tornata al mittente.

Marinella: Tante le cose già dette che condivido. Mi è piaciuta tantissimo la vendetta. Mi ha fatto rammentare un film “Il voltapagine”, col quale ho goduto lo stesso piacere, bellissimo.

Franca: Ben riuscito stilisticamente. Senza retorica, quasi teatrale per l'immediatezza. Evidenzia come gli ideali possano diventare ideologie e rovinare la vita.

Giovanna: Mi piace la semplicità della vendetta. La scrittrice non era una premonitrice, gli accadimenti erano noti, ma non si faceva nulla. Ricordo “Amen”, un film in cui si vede come il protagonista vuole verificare le gli avvenimenti (campi di sterminio, ecc).
Quando la ragazza viene uccisa in fondo penso che per il “padre di famiglia” tedesco è un modo per lavare la colpa dell'adulterio, la vita che faceva il tedesco era ricca, piacevole. Come non abbandonacisi con facilità? Come non rifiutare il rischio e la colpa di una verità scomoda.
Il film “Inside man” mosra i diamanti rubati da un banchiere a degli ebrei. Li aveva denunciati e si era impossessato dei loro beni. Era facile e portava ricchezza. La sintesi del libro è notevole.
In America lontani dai luoghi, con le stesse armi che gli avevano tolto la figlia il padre applica la sottile vendetta.

Giuseppe: Si sapeva dei lager. E il libro lo narra. Il cambiamento di stato è agghiacciante. La descrizione iniziale dell'amicizia, la tensione che fa sperimentare per quel che dovrebbe essere, è bellissima e mi ricorda noi Assorbilibri.
Nel film si è riempita la sostanza offerta dal testo con tante cose inutili.

Marisa: Si legge con una tensione crescente. Quasi banale all'inizio. Poi ripercorrere il passaggio al consenso del popolo tedesco viene vissuto attraverso le pagine scritte.
Quanti erano in buona fede? Quanti seguirono una dottrina? Quanta la paura e viltà? Un telaio che non conosce coscienza e perdona. La vendetta colpisce e rende colpevolezza e consapevolezza. Grande sintesi

Massimo M.: L'avevo letto un anno fa e riletto in questi giorni. Ogni volta ci trovo qualche cosa in più. E' sintetico e a rileggerlo è quasi incredibile sia così corto ma riesca a contenere tutto quello che mi ha fatto vivere.
Tradire un'amicizia è molto frequente. Qui il caso è particolare. Ma talvolta i preconcetti precludono a tal punto.

Roberto: Come mai dopo 50 anni leggiamo questo libricino. Gli americani avevano bisogno di storie come queste? Viene stampato sul Rider Digest prima dell'invio in guerra.
Pearl Harbour. Un po' dozzinale dal punto di vista psicologico. Ma ci vedo sotto molte verità storiche non raccontate che hanno determinato, con giochi di potere, situazioni che si possono leggere in diversi modi. Roberto pone tante ipotesi storiche non valutate solitamente al centro delle quali emerge un'America non salvifica,opportunista e assolutamente manipolatrice di verità storiche. Discuterne è difficile proprio per la difficoltà di verificare la tesi.

Alessandra: Il libro, breve, si legge con facilità anche in lingua originale, pensieri lineari esposti con un inglese semplice. In alcuni punti questo è quasi disarmante. La lettera scritta dal “padre di famiglia “ tedesco per raccontare a un altro padre e amico la morte di una figlia (che era stata anche sua amante!) è di una tale ottusità e insensibilità nell'esposizione del fatto da risultare non credibile a mio avviso.
Ma a parte questo, il palesare, con la vendetta “karmica”, il vivere ciò che si determina nell'altro, è geniale.

Donatella: E' già stato detto quasi tutto, ma una cosa mi ha colpioto molto. Martin si svela per quel che è già quando racconta le gravidanze della moglie. All'inizio la sua visione della donna e il suo poco ascolto dell'altro, fanno intuire la sua presunzione ottusa, e i suoi dubbi fino all'accetazione del nazismo ce la confemano.

Tomas: Ho letto 2 volte il libro. In 2 lingue. La prima volta troppo velocemente e non l'avevo capito. Riletto ho colto tante cose nuove.
Alcuni momenti mi lasciavano perlessi ebrei riccchi e furbi? Alcuni aneddoti del libro cadomo nel pregiudizio sulla ricchezza e l'avidità furba degli ebrei. Per me comunque la vendetta di chiusura è troppo forte.

Gabriella: Leggendolo ho provato una grande soddisfazione perchè il tedesco è proprio una persona piena di se. (Scusa Gabri penso di aver saltato qualche cosa, inserisci ti prego.)
Inaspetato l'inizio della fine. Mi è piaciuto

Massimo I.: Affronterò il libro dal punto di vista letterario. Alla luce di questa lettura, penso che dare una seconda opportunità, (una terza opportunità non la darei) a uno scrittore che inizialmente non ti è piaciuto, è cosa da fare.
Avevo letto “Senza ritorno” e non mi era piaciuto. Lo avevo trovato superficiale. L'ho gettato e me ne sono pentito. Lo stile epistolare non è una novità. Nell'Antologia letteraria americana rammento delle lettere scambiate tra i protagonisti (non rammento più l'autore Massimo integra plese) che passavano dalla passione al gelo più assoluto come accade in questo libro. Mi era piaciuto. Un romanzo a tesi. L'autrice talvolta esagera per rafforzare la situazione, ma, come nella lettera in cui comunica la morte della figlia, lo scritto riesce a diventa grottesco.


Indice

  • 1 Descrizione
  • 2 Visione d'insieme
  • 3 Denominazioni locali dell'ultimo periodo glaciale
    • 3.1 Glaciazione Pinedale o Fraser, nelle Montagne Rocciose
    • 3.2 Glaciazione Wisconsin, nel Nord America
    • 3.3 Glaciazione della Groenlandia
    • 3.4 Glaciazione devensiana, nelle Isole Britanniche
    • 3.5 Glaciazione Weichseliana, in Scandinavia e Nord Europa
    • 3.6 Glaciazione Würm, nelle Alpi
    • 3.7 Glaciazione Merida, nelle Ande venezuelane
    • 3.8 Glaciazione Antartica
  • 4 I cicli glaciali
  • 5 Note
  • 6 Voci correlate
  • 7 Altri progetti
  • 8 Collegamenti esterni

Fu la quarta glaciazione del Pleistocene, la prima epoca del Quaternario: ebbe inizio circa 110.000 anni fa e terminò circa 12.000 anni fa. Su tutto il pianeta Terra si verificò un abbassamento generale della temperatura e un'ulteriore espansione dei ghiacciai nell'attuale zona temperata. Durante questa glaciazione i livelli dei mari si abbassarono di oltre 120 m. Alla fine di questa glaciazione, seguì un periodo tardiglaciale, in cui la temperatura e le precipitazioni raggiunsero gradualmente i valori attuali (inizio Olocene 11.000 anni fa).

Durante questo periodo vi furono diversi mutamenti tra l'avanzamento e l'arretramento dei ghiacciai. La massima estensione della glaciazione avvenne approssimativamente 18.000 anni fa. Mentre il modello generale di raffreddamento globale e l'avanzamento dei ghiacciai fu simile, le differenze locali nello sviluppo dell'avanzamento e arretramento rendono difficile confrontare i dettagli da continente a continente. [1]

L'ultimo periodo glaciale viene talvolta colloquialmente indicato come "ultima era glaciale", sebbene questo uso sia inesatto perché un'era glaciale è un lasso di tempo molto più lungo di temperature fredde in cui i ghiacciai continentali coprono vaste zone della Terra, come la regione antartica. I periodi glaciali invece, si riferiscono a fasi più fredde all'interno di un'era glaciale separati da periodi interglaciali. Perciò, la fine dell'ultimo periodo glaciale non rappresenta necessariamente la fine dell'ultima era glaciale.
La fine dell'ultimo periodo glaciale avvenne circa 12.500 anni fa, mentre la fine dell'ultima era glaciale potrebbe non essere ancora avvenuta: piccole prove indicano un arresto del ciclo glaciale-interglaciale degli ultimi milioni di anni.

L'ultimo periodo glaciale è la parte più conosciuta dell'attuale era glaciale, venne intensivamente studiato nel Nord America, Eurasia settentrionale, Himalaya e in altre regioni che in passato erano ghiacciate. Le glaciazioni avvenute durante questo periodo glaciale coprivano molte aree, principalmente l'emisfero settentrionale e, meno estesamente, l'emisfero meridionale. Hanno nomi differenti, sviluppatisi sia per motivi storici sia per la loro distribuzione geografica:

  • Fraser (nella Cordillera Pacifica del Nord America)
  • Pinedale
  • Wisconsiniano (nel Nord America centrale)
  • Devensiano (nelle Isole Britanniche)
  • Midlandiano (in Irlanda)
  • Würm (nelle Alpi)
  • Merida (nel Venezuela)
  • Weichseliano (nella Scandinavia e Nord Europa)
  • Vistoliano (nel Centro Europa settentrionale)
  • Valdai nell'Europa orientale
  • Zyryanka in Siberia
  • Llanquihue nel Cile
  • Otira in Nuova Zelanda

L'ultima glaciazione si incentrò sugli enormi ghiacciai continentali del Nord America ed Eurasia. Considerevoli aree nelle Alpi, Himalaya e nelle Ande furono coperte di ghiaccio, e l'Antartico rimase ghiacciato.

Il Canada fu quasi completamente coperto dal ghiaccio, come pure la parte settentrionale degli USA, entrambi sormontati dall'immenso ghiacciaio Laurentide. L'Alaska rimase per la maggior parte libera dal ghiaccio a causa delle condizioni aride del clima. Le glaciazioni locali erano presenti nelle Montagne Rocciose, nel ghiacciaio della Cordillera, e, come calotta di ghiaccio e calotta polare, nella Sierra Nevada della California settentrionale. [2]

Nella Britannia, Europa continentale e Asia nord-orientale, il ghiacciaio scandinavo ancora una volta arrivò fin nelle zone settentrionali delle Isole Britanniche, Germania, Polonia e Russia, estendendosi verso est fino alla Penisola di Taimyr nella Siberia occidentale. [3] La massima estensione della glaciazione della Siberia occidentale avvenne approssimativamente da 18.000 a 17.000 anni fa e perciò più tardi che in Europa (22.000–18.000 anni fa). [4] La Siberia nord-orientale non era coperta da un ghiacciaio su scala continentale. [5] Erano invece di vasta estensione, ma circoscritti, i raggruppamenti di coltri ghiacciate che coprivano le catene montuose nella Siberia nord-orientale, includendovi le montagne del Kamchatka-Koryak. [6]

L'Oceano Artico compreso tra le grandi distese ghiacciate dell'America e dell'Eurasia probabilmente non si congelò del tutto, ma rimase coperto da un sottile strato di ghiaccio soggetto alle oscillazioni stagionali e pieno di iceberg che si staccavano dalla circostante banchisa congelata. Dalla composizione dei sedimenti ritrovati nei carotaggi d'alto mare, sembra anzi che ci siano stati anche periodi in cui l'acqua non ghiacciava affatto. [7]

Al di fuori della coltre ghiacciata principale, si ebbero anche estese glaciazioni nelle catene montuose delle Alpi e dell'Himalaya. Al contrario delle ere glaciali precedenti, la glaciazione Würm diede luogo a piccole calotte ghiacciate perlopiù confinate nei ghiacciai di fondovalle, che facevano sfociare le loro lingue fino alle aeree pedemontane. Più a oriente, il Caucaso e le montagne della Turchia e dell'Iran furono ricoperte da locali estese gelate e piccole calotte ghiacciate. [8] , [9]

Nell'Himalaya e nell'altopiano del Tibet i ghiacciai avanzarono in modo considerevole, in particolare tra 47.000 e 27.000 anni fa [10] mentre era contemporaneamente in corso un generale riscaldamento nel resto del globo. [11] Tuttavia la formazione di una calotta ghiacciata continua nell'altopiano del Tibet non è accettata da tutti. [12]

In altre aree dell'emisfero boreale non si ebbero glaciazioni estensive, ma piuttosto piccoli ghiacciai localizzati nelle zone più elevate. Alcune aree di Taiwan si ghiacciarono ripetutamente tra 44.250 e 10.680 anni fa [13] e lo stesso fenomeno si ripeté nelle catene montuose giapponesi. In entrambe le aree, la massima estensione dei ghiacciai si ebbe tra 60.000 e 30.000 anni fa. [14]

Ghiacciai di estensione ancora minore si ebbero in Africa, come ad esempio nell'Atlante, nelle montagne del Marocco, nel massiccio del Monte Atakor nel sud dell'Algeria e in altre montagne dell'Etiopia. Nell'emisfero antartico dell'Africa orientale, una coltre ghiacciata di parecchie centinaia di chilometri quadrati si estendeva sul massiccio del Kilimanjaro, sul Monte Kenya e sul Monte Ruwenzori tanto che i residui di questi ghiacciai sono visibili ancora oggi. [15]

Le glaciazioni nell'emisfero antartico furono meno estese a causa dell'attuale configurazione dei continenti. C'erano calotte ghiacciate nel ghiacciaio patagonico delle Ande e ci sono tracce di sei successivi avanzamenti glaciali tra 33.500 e 13.900 anni fa nelle Ande cilene. [16]

L'Antartide era interamente coperta di ghiacci, come al giorno d'oggi, senza nessuna zona scoperta. In Australia solo una piccola area nei pressi del monte Kosciuszko risultava ghiacciata, mentre in Tasmania la glaciazione fu più estesa. [17] La Nuova Zelanda vide una glaciazione nelle Alpi meridionali, dove si possono distinguere almeno tre avanzamenti glaciali. [18] Calotte glaciali locali erano presenti anche in Indonesia, dove sono tuttora conservati resti delle glaciazioni del Pleistocene. [19]

Glaciazione Pinedale o Fraser, nelle Montagne Rocciose Modifica

La glaciazione Pinedale (Montagne Rocciose centrali) o glaciazione Fraser (ghiacciaio continentale della Cordillera) fu l'ultima delle maggiori glaciazioni ad apparire sulle Montagne Rocciose negli Stati Uniti. La Pinedale durò approssimativamente da 30.000 a 10.000 anni fa e arrivò alla sua massima espansione nel periodo di tempo che va da 23.500 a 21.000 anni fa. [20] Questa glaciazione fu piuttosto distinta da quella principale del Wisconsin, poiché essa fu soltanto vagamente relazionata ai giganteschi ghiacciai continentali e fu invece composta da ghiacciai montani, che si fondevano con quello continentale della Cordillera americana. [21] Il ghiacciaio della Cordillera produsse caratteristiche come il lago glaciale Missoula, che rompeva il suo sbarramento di ghiaccio causando le massicce inondazioni di Missoula. I geologi stimano che il ciclo di inondazione e ri-formazione del lago durava circa 55 anni e che le inondazioni si ripeterono approssimativamente 40 volte nell'arco di tempo di 2.000 anni che va da 15.000 a 13.000 anni fa. [22] Vaste inondazioni da lago glaciale come queste non sono insolite oggigiorno in Islanda e in altri luoghi.

Glaciazione Wisconsin, nel Nord America Modifica

L'Episodio Glaciale del Wisconsin fu l'ultimo dei grandi avanzamenti dei ghiacciai continentali verso quello del Laurentide in Nord America. Questa glaciazione è costituita da tre massimi periodi glaciali (comunemente chiamati fasi glaciali) separati da periodi interglaciali (come quello in cui attualmente viviamo). Le tre fasi glaciali sono denominate, dalla più vecchia alla più recente, Tahoe, Tenaya is Tioga. La Tahoe raggiunse la sua massima estensione probabilmente circa 70.000 anni fa, forse come conseguenza della super eruzione del Toba. Poco si conosce riguardo alla Tenaya. La Tioga fu la meno intensa e l'ultima dell'Episodio del Wisconsin. Essa ebbe inizio circa 30.000 anni fa, pervenne al suo massimo avanzamento 21.000 anni fa, e terminò circa 10.000 anni fa. Al culmine della glaciazione, il ponte di terra sullo stretto di Bering permise la migrazione di mammiferi così come di uomini dalla Siberia verso il Nord America.

Essa alterò radicalmente la geografia del Nord America a nord dell'Ohio. Al culmine della glaciazione dell'Episodio del Wisconsin, il ghiaccio copriva la maggior parte del Canada, l'Upper Midwest, e il New England, come pure aree del Montana e dello stato di Washington. Sull'isola di Kelleys (Ohio) nel lago Erie o nel Central Park di New York, le striature lasciate da questi ghiacciai possono essere facilmente osservate. Nel Saskatchewan sud-occidentale e nell'Alberta sud-orientale, nella zona di sutura tra i ghiacciai del Laurentide e della Cordillera si è formata la regione delle Cypress Hills, la quale è il punto più settentrionale nel Nord America rimasto a sud dei ghiacciai continentali.

I Grandi Laghi sono il risultato dell'erosione glaciale e dell'accumulo di acqua di disgelo al margine del ghiaccio che retrocedeva. Quando l'enorme massa del ghiacciaio continentale arretrò, i Grandi Laghi incominciarono gradualmente a muoversi verso sud a causa della ripercussione isostatica della riva settentrionale. Anche le Cascate del Niagara sono un prodotto della glaciazione, come lo è il corso del fiume Ohio, il quale ampiamente soppiantò il precedente fiume Teays.

Con l'ausilio di tanti vasti laghi glaciali, essa modellò la forra ora nota come "Mississippi Superiore"' (Upper Mississippi River), riempiendo la zona priva di depositi alluvionali nota come Driftless Area [23] e probabilmente dando luogo annualmente alla rottura della diga naturale di ghiaccio che si formava nelle strettoie.

Nel suo arretramento, la glaciazione dell'Episodio del Wisconsin lasciò morene terminali che formarono Long Island, Nantucket e Cape Cod, e la morena di Oak Ridges nel centro-sud dell'Ontario, Canada. Nel Wisconsin stesso, essa lasciò la morena di Kettle. I drumlin e gli esker formatisi ai margini del disgelo sono elementi caratteristici della valle inferiore del fiume Connecticut.

Glaciazione della Groenlandia Modifica

Nel nord-ovest della Groenlandia, la coltre di ghiaccio pervenne a un suo primo grande massimo nell'ultimo periodo glaciale intorno ai 114.000 anni fa. Dopo questo primo massimo, la copertura glaciale fu simile a quella attuale, fino alla fine dell'ultimo periodo glaciale. Verso la fine, i ghiacciai ri-avanzarono ancora una volta prima di arretrare verso la loro attuale estensione. [24] Secondo i dati forniti dalle carote di ghiaccio, il clima della Groenlandia fu secco durante l'ultimo periodo glaciale, con precipitazioni che raggiunsero forse solo il 20% dei valori attuali. [25]

Glaciazione devensiana, nelle Isole Britanniche Modifica

La denominazione di "Glaciazione Devensiana" viene usata dai geologi e archeologi britannici e si riferisce a ciò che spesso popolarmente viene indicato come l'ultima era glaciale.

Gli effetti di questa glaciazione possono essere visti in molte caratteristiche geologiche di Inghilterra, Scozia e Irlanda del Nord, dove viene indicata come "Glaciazione delle Midland" dato che i suoi effetti sono visibili soprattutto in quelle terre. I suoi depositi sono stati trovati sovrapposti a materiali del precedente stadio ipswichiano e giacenti al di sotto di quelli del seguente stadio flandriano dell'Olocene.

L'ultima fase del Devensiano include le zone di polline I-IV, le oscillazioni di Allerød e Bølling e gli stadi climatici del Dryas antico e Recente.

Glaciazione Weichseliana, in Scandinavia e Nord Europa Modifica

Durante il massimo glaciale in Scandinavia, solo le zone occidentali dello Jutland rimasero libere dal ghiaccio e una grande parte di ciò che oggi è il Mar del Nord era terra asciutta che collegava lo Jutland alla Britannia. Inoltre solo in Danimarca si trovano animali dell'epoca glaciale scandinava più vecchi di 13 000 a.C. [senza fonte] Nel periodo seguente l'ultima interglaciale prima dell'attuale stadio (Eemiano), anche la costa della Norvegia venne a trovarsi libera dal ghiaccio [26] .

La coltre di ghiaccio esercitava una pressione sulla superficie terrestre. Con la fusione del ghiaccio, la terra ha continuato a sollevarsi annualmente in Scandinavia, soprattutto nella Svezia settentrionale e in Finlandia dove si innalza di oltre 8–9 mm l'anno, o 1 metro ogni 100 anni. Questo è importante per gli archeologi, poiché un sito che fu costiero nell'Età della pietra nordica ora si trova nell'entroterra e può essere datato in base alla sua relativa distanza dalla costa attuale.

Glaciazione Würm, nelle Alpi Modifica

La "glaciazione Würm" (o "glaciazione di Würm" o "del Würm") prende il nome dal fiume Würm delle zone alpine della Baviera (Germania), che segna approssimativamente l'avanzamento massimo del ghiacciaio in questo periodo glaciale particolare.

La glaciazione venne così chiamata da A. Penck ed E. Brückner (1901-1909), dal nome di un affluente del Danubio, come le glaciazioni alpine precedenti (Riss, Mindel, Günz e Danubio stessa).

All'inizio del XIX secolo, le Alpi sono state la zona dove venne condotta da Louis Agassiz la prima sistematica ricerca scientifica sulle ere glaciali. Qui fu intensivamente studiata la glaciazione Würm dell'ultimo periodo glaciale. La Palinologia, cioè l'analisi statistica dei pollini di piante fossilizzate trovati nei depositi geologici, fornisce la cronistoria dei mutamenti drammatici nell'ambiente europeo durante la glaciazione Würm. Al suo culmine, circa 24.000–10.000 anni fa, la maggior parte dell'Europa occidentale e centrale e l'Eurasia era una steppa-tundra aperta, mentre le Alpi presentavano compatte calotte glaciali e ghiacciai montani. La Scandinavia e gran parte delle isole Britanniche si trovavano sotto una coltre di ghiaccio.

Durante il Würm, il Ghiacciaio del Rodano copriva l'intero altopiano occidentale della Svizzera, raggiungendo le regioni attuali di Soletta e Argovia. Nella regione di Berna esso si veniva a fondere con il ghiacciaio dell'Aar. Il ghiacciaio del Reno è attualmente oggetto di studi più dettagliati. I ghiacciai della Reuss e della Limmat avanzavano talvolta fino al Giura. I ghiacciai montani e pedemontani modellavano il territorio asportando via virtualmente tutte le tracce delle precedenti glaciazioni di Günz e Mindel, depositando morene di base e morene terminali di differenti fasi di ritrazione e depositi di loess, e spostando e ri-depositando le ghiaie attraverso i fiumi che scendevano dai ghiacciai. Al di sotto della superficie, essi ebbero un'influenza profonda e duratura sul calore geotermico e sulle tipologie di flusso delle acque sotterranee.

Glaciazione Merida, nelle Ande venezuelane Modifica

Il nome glaciazione del Mérida viene proposto per designare la glaciazione alpina che interessò la Ande venezuelane centrali durante il tardo Pleistocene. Due principali livelli di morena sono stati riconosciuti: uno fra i 2600 e i 2700 m, e un altro fra i 3000 e i 3500 m d'altezza. La linea delle nevi perenni durante l'ultimo avanzamento glaciale si abbassò fino a circa 1200 m al di sotto di quella attuale (3700 m). L'area coperta di ghiaccio nella Cordillera de Mérida era approssimativamente di 600 km² e questa includeva da sud-ovest a nord-est le seguenti zone elevate: Páramo de Tamá, Páramo Batallón, Páramo Los Conejos, Páramo Piedras Blancas, e Teta de Niquitao. Circa 200 km 2 del totale dell'area ghiacciata si trovava nella Sierra Nevada de Mérida, e la più grande concentrazione (50 km 2 ) era nelle zone del Pico Bolívar, Pico Humboldt (4.942 m), e Pico Bonpland (4.893 m). La datazione con il radiocarbonio indica che le morene risalgono a più di 10.000 anni fa, o forse anche a più di 13.000 anni fa. Il livello della morena più bassa probabilmente corrisponde al picco dell'avanzata glaciale del Winsconsin. Il livello più elevato probabilmente rappresenta l'ultima avanzata glaciale (Tardo Wisconsin). [27] [28] [29] [30]

Glaciazione Antartica Modifica

Durante l'ultimo periodo glaciale l'Antartico era rivestito da una spessa calotta di ghiaccio, più o meno come oggi. Il ghiaccio copriva tutte le aree terrestri e si estendeva dentro l'Oceano sopra la piattaforma continentale mediana ed esterna [31] [32] . Secondo la modellatura del ghiaccio, esso era generalmente più sottile sopra la regione antartica centro-orientale di quanto lo sia attualmente. [33]

I cicli glaciali sono quattro e, come detto, prendono il nome, dal più antico al più recente, da quattro affluenti minori del Danubio in Germania (più precisamente in Baviera), Günz, Mindel, Riss is Würm. Questa scelta di nomi è dovuta al fatto che fu proprio nelle vallate tedesche che si rinvennero tracce dell'attività dei ghiacciai. Non a caso è sulle Alpi che nacque la moderna glaciologia, infatti le quattro glaciazioni ricoprono le Alpi con una calotta di ghiaccio spessa fino a 2.000 metri.

Così le glaciazioni Günz, Mindel, Riss is Würm sono riscontrabili man mano che ci si avvicina al Neozoico e quindi sono identificabili le seguenti quattro ere glaciali, intervallate da tre fasi interglaciali (che si chiamano Günz-Mindel, Mindell-Riss is Riss-Würm):

  1. Günz, da circa 1.200.000 a 900.000 anni fa
  2. Mindel, da circa 455.000 a 300.000 anni fa
  3. Riss, da circa 200.000 a 130.000 anni fa
  4. Würm, da circa 110.000 a 11.700 anni fa


References [ edit ]

  1. ^ Lorens, L. Hilgen, F. Shackelton, N.J. Laskar, J. Wilson, D. (2004). "Part III Geological Periods: 21 The Neogene Period". In Gradstein, Felix M. Ogg, James G. Smith, Alan G. (eds.). A Geologic Time Scale 2004. Cambridge University Press. p. 412. ISBN978-0-521-78673-7 .
  2. ^
  3. Ehlers, Jürgen Gibbard, Philip (2011). "Quaternary glaciation". Encyclopedia of Snow, Ice and Glaciers. Encyclopedia of Earth Sciences Series. pp. 873–882. doi:10.1007/978-90-481-2642-2_423. ISBN978-90-481-2641-5 .
  4. ^
  5. Berger, A. Loutre, M.F. (2000). "CO2 And Astronomical Forcing of the Late Quaternary". Proceedings of the 1st Solar and Space Weather Euroconference, 25-29 September 2000. The Solar Cycle and Terrestrial Climate. 463. ESA Publications Division. p. 155. Bibcode:2000ESASP.463..155B. ISBN9290926937 .
  6. ^
  7. "Glossary of Technical Terms Related to the Ice Age Floods". Ice Age Floods Institute . Retrieved 17 February 2019 .
  8. ^
  9. Lockwood, J.G. van Zinderen-Bakker, E. M. (November 1979). "The Antarctic Ice-Sheet: Regulator of Global Climates?: Review". The Geographical Journal. 145 (3): 469–471. doi:10.2307/633219. JSTOR633219.
  10. ^
  11. Warren, John K. (2006). Evaporites: sediments, resources and hydrocarbons. Birkhäuser. p. 289. ISBN978-3-540-26011-0 .
  12. ^
  13. Augustin, Laurent et al. (2004). "Eight glacial cycles from an Antarctic ice core". Nature. 429 (6992): 623–8. Bibcode:2004Natur.429..623A. doi: 10.1038/nature02599 . PMID15190344.
  14. ^Why were there Ice Ages?
  15. ^Discovery of the Ice Age
  16. ^EO Library: Milutin MilankovitchArchived December 10, 2003, at the Wayback Machine
  17. ^ abWhy do glaciations occur?
  18. ^EO Library: Milutin Milankovitch Page 3
  19. ^
  20. Fletcher, Benjamin J. Brentnall, Stuart J. Anderson, Clive W. Berner, Robert A. Beerling, David J. (2008). "Atmospheric carbon dioxide linked with Mesozoic and early Cenozoic climate change". Nature Geoscience. 1 (1): 43–48. Bibcode:2008NatGe. 1. 43F. doi:10.1038/ngeo.2007.29.
  21. ^
  22. Pagani, Mark Huber, Matthew Liu, Zhonghui Bohaty, Steven M. Henderiks, Jorijntje Sijp, Willem Krishnan, Srinath DeConto, Robert M. (2011). "The Role of Carbon Dioxide During the Onset of Antarctic Glaciation". Science. 334 (6060): 1261–4. Bibcode:2011Sci. 334.1261P. doi:10.1126/science.1203909. PMID22144622. S2CID206533232.
  23. ^ ab
  24. Joos, Fortunat Prentice, I. Colin (2004). "A Paleo-Perspective on Changes in Atmospheric CO2 and Climate" (PDF) . The Global Carbon Cycle: Integrating Humans, Climate, and the Natural World. Scope. 62. Washington D.C.: Island Press. pp. 165–186. Archived from the original (PDF) on 2008-12-17 . Retrieved 2008-05-07 .
  25. ^Glaciers and GlaciationArchived August 5, 2007, at the Wayback Machine
  26. ^EO Newsroom: New Images – Panama: Isthmus that Changed the WorldArchived August 2, 2007, at the Wayback Machine
  27. ^
  28. Bartoli, G. Sarnthein, M. Weinelt, M. Erlenkeuser, H. Garbe-Schönberg, D. Lea, D. W. (30 August 2005). "Final closure of Panama and the onset of northern hemisphere glaciation". Earth and Planetary Science Letters. 237 (1): 33–44. Bibcode:2005E&PSL.237. 33B. doi: 10.1016/j.epsl.2005.06.020 . ISSN0012-821X.
  29. ^
  30. Flint, Richard Foster (1971). Glacial and Quaternary Geology. John Wiley and Sons. p. 22.
  31. ^ ab
  32. Solgaard, Anne M. Bonow, Johan M. Langen, Peter L. Japsen, Peter Hvidberg, Christine (2013). "Mountain building and the initiation of the Greenland Ice Sheet". Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology. 392: 161–176. Bibcode:2013PPP. 392..161S. doi:10.1016/j.palaeo.2013.09.019.
  33. ^
  34. Charrier, Reynaldo Iturrizaga, Lafasam Charretier, Sebastién Regard, Vincent (2019). "Geomorphologic and Glacial Evolution of the Cachapoal and southern Maipo catchments in the Andean Principal Cordillera, Central Chile (34°-35º S)". Andean Geology. 46 (2): 240–278. doi: 10.5027/andgeoV46n2-3108 . Retrieved June 9, 2019 .
  35. ^
  36. Tikkanen, Matti Oksanen, Juha (2002). "Late Weichselian and Holocene shore displacement history of the Baltic Sea in Finland". Fennia. 180 (1–2) . Retrieved December 22, 2017 .
  37. ^Polish Geological InstituteArchived March 15, 2008, at the Wayback Machine
  38. ^CVO Website – Glaciations and Ice Sheets
  39. ^
  40. Lidmar-Bergström, K. Olsson, S. Roaldset, E. (1999). "Relief features and palaeoweathering remnants in formerly glaciated Scandinavian basement areas". In Thiry, Médard Simon-Coinçon, Régine (eds.). Palaeoweathering, Palaeosurfaces and Related Continental Deposits. Special publication of the International Association of Sedimentologists. 27. Blackwell. pp. 275–301. ISBN0-632-05311-9 .
  41. ^
  42. Lindberg, Johan (April 4, 2016). "berggrund och ytformer". Uppslagsverket Finland (in Swedish) . Retrieved November 30, 2017 .
  43. ^
  44. Johansson, J.M. Davis, J.L. Scherneck, H.‐G. Milne, G.A. Vermeer, M. Mitrovica, J.X. Bennett, R.A. Jonsson, B. Elgered, G. Elósegui, P. Koivula, H. Poutanen, M. Rönnäng, B.O. Shapiro, I.I. (2002). "Continuous GPS measurements of postglacial adjustment in Fennoscandia 1. Geodetic results". Geodesy and Gravity/Tectonophysics. 107 (B8): 2157. Bibcode:2002JGRB..107.2157J. doi: 10.1029/2001JB000400 .
  45. ^EO Newsroom: New Images – Sand Hills, NebraskaArchived August 2, 2007, at the Wayback Machine
  46. ^LiveScience.comArchived December 1, 2008, at the Wayback Machine
  47. ^Nebraska Sand HillsArchived 2007-12-21 at the Wayback Machine
  48. ^
  49. García, Marcelo Correa, Jorge Maksaev, Víctor Townley, Brian (2020). "Potential mineral resources of the Chilean offshore: an overview". Andean Geology. 47 (1): 1–13. doi: 10.5027/andgeov47n1-3260 .
  50. ^Ice Ages- Illinois State Museum
  51. ^When have Ice Ages occurred?
  52. ^Our Changing Continent
  53. ^Geotimes – April 2003 – Snowball Earth
  54. ^
  55. Richerson, Peter J. Robert Boyd Robert L. Bettinger (2001). "Was agriculture impossible during the Pleistocene but mandatory during the Holocene? A climate change hypothesis" (PDF) . American Antiquity. 66 (3): 387–411. doi:10.2307/2694241. JSTOR2694241 . Retrieved 29 December 2015 .
  56. ^
  57. J Imbrie J Z Imbrie (1980). "Modeling the Climatic Response to Orbital Variations". Science. 207 (4434): 943–953. Bibcode:1980Sci. 207..943I. doi:10.1126/science.207.4434.943. PMID17830447. S2CID7317540.
  58. ^
  59. Berger A, Loutre MF (2002). "Climate: An exceptionally long interglacial ahead?". Science. 297 (5585): 1287–8. doi:10.1126/science.1076120. PMID12193773. S2CID128923481. CS1 maint: uses authors parameter (link) "Berger and Loutre argue in their Perspective that with or without human perturbations, the current warm climate may last another 50,000 years. The reason is a minimum in the eccentricity of Earth's orbit around the Sun."
  60. ^
  61. "NOAA Paleoclimatology Program – Orbital Variations and Milankovitch Theory".
  62. A. Ganopolski, R. Winkelmann & H. J. Schellnhuber (2016). "Critical insolation–CO2 relation for diagnosing past and future glacial inception". Nature. 529 (7585): 200–203. Bibcode:2016Natur.529..200G. doi:10.1038/nature16494. PMID26762457. S2CID4466220. CS1 maint: uses authors parameter (link) M. F. Loutre, A. Berger, "Future Climatic Changes: Are We Entering an Exceptionally Long Interglacial?", Climatic Change 46 (2000), 61-90.
  63. ^
  64. Berger, A. Loutre, M.F. (2002-08-23). "An Exceptionally Long Interglacial Ahead?" (PDF) . Science. 297 (5585): 1287–8. doi:10.1126/science.1076120. PMID12193773. S2CID128923481.
  65. ^
  66. Tans, Pieter. "Trends in Atmospheric Carbon Dioxide – Mauna Loa". National Oceanic and Atmospheric Administration . Retrieved 2016-05-06 .
  67. ^
  68. Christiansen, Eric (2014). Dynamic Earth. p. 441. ISBN9781449659028 .
  69. ^
  70. "Global Warming Good News: No More Ice Ages". LiveScience. 2007.
  71. ^
  72. "Human-made climate change suppresses the next ice age". Potsdam Institute for Climate Impact Research in Germany. 2016.

Video: Ice Age In Real Life


Previous Article

Flowers for the cemetery

Next Article

Tips For Growing Watermelon In Gardens